Scrittura autobiografica

“Perché raccontar-si, perché scrivere di sé?”

a cura di Maria Rosaria Memoli*

“C’è un momento, nel corso della vita, in cui si sente il bisogno di raccontarsi in modo diverso dal solito. Capita a tutti, prima o poi. Alle donne e agli uomini, e accade ormai, puntualmente, da centinaia di anni e soprattutto nelle culture occidentali. Da quando, forse, la scrittura si è assunta il compito di raccontare in prima persona quanto si è vissuto e di resistere all’oblio della memoria. E’ una sensazione, (..) quasi un messaggio che ci raggiunge all’improvviso, sottile e poetico, (..) Quasi un’urgenza o un’emergenza, un dovere o un diritto: a seconda dei casi e delle circostanze.”

Duccio Demetrio, Raccontarsi. L’autobiografia come cura di sé

Tante, molteplici le risposte possibili quante sono le esperienze di vita e le storie di ognuno, un patrimonio ricco di valore di cui non sempre ne siamo consapevoli.
Ogni vita è una storia da raccontare e ogni vita ha dentro tante storie; prendere la penna e scrivere svela innumerevoli risorse a chi si avvicina al proprio passato, anche solo a frammenti di vita. Si guardano a distanza le proprie vicende esistenziali aggiungendo altri punti di osservazione, altri significati; si attivano possibilità di nuove prospettive su se stessi.

La scrittura autobiografica è pratica di scrittura della propria esperienza di vita che consente a chi scrive di dare forma tangibile, concreta al racconto di sè; diventa gesto, atto, strumento di riflessione e di formazione. L’autobiografia, oltre ad essere genere letterario molto antico, è riconosciuta come metodo formativo che trova applicazione nei diversi luoghi sociali e istituzionali, con progetti di percorsi di scrittura autobiografica rivolti a tutte le fasce di età e di genere.

Atelier di scrittura e di sensibilizzazione alla pratica autobiografica

Condotto da Maria Rosaria Memoli,
cultore della scrittura di sé, esperta in metodologie autobiografiche

Presentazione
Ogni parola porta con sé una trama, si rivela un filo prezioso per un’altra; le parole si intrecciano tra loro per nuovi tessuti. Scrivere di sé si rivela un modo efficace per conoscer-si meglio, si porta consapevolezza nella propria esperienza; ogni volta che scriviamo rinnoviamo l’incontro con noi stessi attraverso le parole.
A piccoli passi come “funamboli della memoria” ci muoveremo sul filo di parole che solleciteranno la scrittura di emozioni, luoghi, volti.
I momenti di scrittura personale si alterneranno a quelli di lettura e a condivisioni in una dimensione di ascolto reciproco.

Una giornata con pausa pranzo, nella quale lavoreremo insieme sei ore.

Formazione gruppo: sino ad un max di 10.

Tempi e durata:
Orari: 10-13 e 15-18;

Nota: Ai partecipanti viene richiesto solo un quaderno ed una penna
Al termine si rilascia attestato di partecipazione.

*Maria Rosaria Memoli, docente, Cultore in scrittura autobiografica ed Esperta in metodologie autobiografiche, (diplomata Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari).

Vuoi partecipare al nostro seminario di Scrittura Autobiografica?

Domenica 4 febbraio 2018 si terrà il seminario: “Racconti sul … filo” Atelier di scrittura autobiografica

©2017 PHI-LOSOFICA Associazione di Promozione Sociale – CF 92040280155 – Privacy policyCookies

Questo sito web utilizza cookies tecnici per migliorare la navigazione. Alcuni servizi di terzi utilizzano cookies tecnici, statistici e/o di profilazione che vengono attivati solo se acconsenti all’uso dei cookies. Chiudendo questo banner, cliccando sul pulsante o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori informazioni sulla nostra cookies policy maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi